Caffè Orlando

Caffettiera Napoletana (o cuccumella)

La caffettiera napoletana, chiamata simpaticamente a Napoli anche cuccumella, ha in realtà origini francesi.
E’ stata infatti inventata da Morize nel 1819 e a partire dal 1886 il rame con cui era costruita è stato sostituito dall’alluminio.

La caffettiera napoletana è un metodo di estrazione facile e abbastanza veloce, nonostante sia associato al piacere di gustarsi con calma una buona tazza di caffè.

Come si prepara la caffettiera napoletana

Riempire la caldaia, avendo cura di rimanere qualche millimetro al di sotto del foro.
Inserire sulla caldaia l’imbuto cilindrico, riempirlo con caffè macinato medio-fine, ed avvitare il filtro fino a fine corsa.
Inserire saldamente la parte superiore (quella col beccuccio) sul serbatoio dell’acqua e caffè.
Accendere la fiamma fin quando esce un po’ di vapore dal beccuccio. Quindi spegnere la fiamma e capovolgere la caffettiera napoletana.
Con il capovolgimento della caffettiera, l’acqua bollente attraverserà il caffè macinato con la normale pressione della gravità. Ci vogliono dai 5 ai 10 minuti affinché tutta l’acqua percoli. La vostra cuccumella è pronta!

Al contratrio della moka, l’assenza di alta pressione comporta un’estrazione delicata, conferendo alla bevanda un corpo leggero e pieno di gusto.

Other Languages »
Apri chat
1
Contattaci!
Ciao!
come possiamo aiutarti?